CSI: Valbasca – Dongo 3-3

Valbasca Calcio 3 – Sport Club Dongo 3
PRIMO TEMPO: 2-0
MARCATORI: Aggio 15’ s.t.; Pisolo (rig.) 23’ s.t.; Masanti
33’ s.t.
Sport Club Dongo (4-3-1-2)
Dentella; Porta; Benaglio ©; Aziz; Biffi; Poncia; Turello;Gestra Aless.; Pisolo; Aggio; Matteri.
A disposizione: Valsecchi Sergio, Arrigoni Pierpaolo, Masanti Alessandro, Simone Vitali.
Allenatore: Roberto Ragni
Vice-allenatore: Fabrizio Pisolo

La cronaca della partita si può riassumere così: un tempo a testa, un punto a testa. È arrivata la bella partita
che ci aspettavamo, giocata con coraggio e con la volontà di vincerla. Meglio il Valbasca nel primo tempo,
reazione del Dongo nella ripresa. Alla fine, i mister possono essere soddisfatti. Mister Ragni resta
agganciato alla vetta, la Nuova Terraneo non è scappata. I neroarancio sanno che possono risalire. Il divario
tra le due squadre non si è visto.
La mossa iniziale 4-3-1-2 di mister Ragni non paga e infatti la prima frazione di gioco si conclude sul 2-0 per
il Valbasca che sfrutta ogni disattenzione neroverde ed arriva prima sui palloni vaganti.
Il primo gol nasce da una bella discesa dell’esterno destro che trova al centro la punta abile nel sfruttare
qualche rimpallo e insaccare in rete. Il secondo gol nasce da un bel fraseggio partito da centrocampo e
concluso con un tiro non irresistibile da fuori area che si insacca alle spalle di Dentella.
Nell’intervallo, però, mister Ragni deve aver toccato nell’orgoglio i suoi ed anche grazie al cambio modulo
finalmente si vede in campo il Dongo. Si passa ad un inedito 3-4-3: Porta, Benaglio, Biffi il trio difensivo.
Matteri, Poncia sugli esterni e in mezzo Pisolo, Gestra. Davanti Masanti, Vitali e Aggio.
Il Valbasca tiene più la palla e gioca di più ma il Dongo comincia a lavorare sulla sola via di fuga possibile: le
fasce laterali.
Non a caso, a pochi minuti dall’inizio del secondo tempo, su un’incursione dalla sinistra il Sindaco ha la sua
prima occasione per accorciare le distanze ma, a tu per tu con il portiere avversario, sceglie la soluzione del
pallonetto e, come direbbe Sandro Piccinini, “non và!”. Ma il n°9 si stava scaldando… meglio tardi che mai.
Il Valbasca si sgonfia visibilmente. Incapace di mantenere la pressione del primo tempo e, di conseguenza,
perde anche il controllo della palla e deve arretrare.
Sale in cattedra il tridente donghese: Aggio lancia Masanti che viene atterrato dal limite dell’area di rigore:
punizione che Aggio trasforma. Sempre dal binario di sinistra inizia l’azione del momentaneo pareggio che
mette Masanti a tu per tu con il portiere che a sua volta lo affossa prendendosi il cartellino rosso. Rigore
sacrosanto realizzato da Pisolo.

A questo punto della partita il copione cambia. Adesso è il Valbasca ad affidarsi alle ripartenze e, nel
momento di massima pressione neroverde, trova il temporaneo vantaggio. Lancio lungo dalla trequarti e
ottimo inserimento nello spazio del centrocampista travolto in area di rigore da Dentella. L’arbitro non
esista a fischiare il rigore: 3-2.
Scollinata la sofferenza, il Dongo si concede un finale orgoglioso: calcio d’angolo di Aggio, velo di Matteri,
gol di Masanti che con una rasoiata sul palo più lontano trova il gol del pareggio.
L’ultima emozione di una bella partita, elettrica e divertente.
A fine partita Roberto Ragni dichiara: “il bicchiere è mezzo pieno, è stata una partita complicata ma
abbiamo fatto una prestazione generosa”. Mentre per il mister del Valbasca Fusi Marco: “vedo il bicchiere
mezzo vuoto. Abbiamo creato tantissimo e sbagliato tanto. Meritavamo di più”.
Stretta di mano tra i due e testa al prossimo match.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *