Settimana intensa per il nostro CSI

Settimana intensa per il Dongo CSI: si inizia lunedì sera a Lurate Caccivio, contro l’Itala, squadra molto forte (che affronteremo anche in semifinale di Coppa Lombardia il prossimo 9 marzo) che lotta con noi nelle zone alte della classifica.

Dongo che scende in campo con un 4-4-2 a rombo, con Dentella tra i pali, Scanagatta R., Porta, Montini, Biffi nei 4 dietro, Bertocchi davanti alla difesa, con Gestra, Poncia e Salice a completare il rombo dietro Matteri e Arrigoni.

L’inizio però non è dei migliori: pronti via e l’Itala scuote la traversa a Dentella battuto, subito time out per mister Ragni! Il Dongo prende pian piano fiducia, chiude bene le continue triangolazioni dei veloci centravanti avversari e inizia a farsi vedere anche nella metà campo avversaria.

Dapprima Matteri trova una rete su elegante assist di Porta, ma l’arbitro incomprensibilmente annulla per una spinta vista solo da lui, poi Montini scuote la traversa su punizione.

Nella ripresa spazio per capitan Benaglio, Di Stefano, Mauri e Masanti, ma è l’Itala a trovare il gol con il loro centravanti abile dapprima a controllare il pallone con le mani e poi a scaricarlo in rete; l’arbitro non vede e convalida.

Subita la rete non ci demoralizziamo e troviamo anche il pari proprio con Di Stefano allo scadere, ma l’arbitro annulla, un’altra volta inspiegabilmente, segnalando un fallo di Masanti che in realtà aveva subito un intervento irregolare (il classico rigore grande come una casa).

Finisce quindi 1-0, con decisioni arbitrali molto molto dubbie che lasciano molto rammarico, ma tant’è possono sbagliare anche gli arbitri.

La sconfitta non demoralizza il gruppo che si ritrova compatto nell’allenamento di mercoledì per preparare la sfida casalinga col Valbasca, altro inquilino dei piani alti della classifica.

Venerdi sera il Dongo affronta i suoi avversari tornando al 433 con Dentella, Biffi, Benaglio, Montini, Gobbetti, Salice, Gestra, Poncia, Masanti, Matteri, Di Stefano.

Esordio dal primo minuto sia per il giovane Gobbetti che per l’ultimo arrivato Di Stefano.

Parte forte il Dongo che va vicino al vantaggio con Matteri di testa, e poi sempre con Matteri su abile ribaltamento di fronte, riesce ad andare in rete.

Dietro non si rischia quasi nulla, la garra è quella giusta e si va a riposo sull’1-0, con l’unico neo dell’infortunio a Di Stefano che lascia il posto ad Arrigoni.

Nella ripresa, come prevedibile, il Valbasca aumenta i giri del suo attacco, inserendo forze fresche, ma è pericoloso solo da calcio piazzato, dove in un’occasione Dentella si supera togliendo il pallone dalla rete con un guizzo fantastico.

Qualche occasione per raddoppiare non viene sfruttata appieno e quando le partite non si chiudono il rischio di non vincerle è sempre dietro l’angolo: sull’ennesima verticalizzazione della serata (dopo un fallo non fischiato a Masanti), il terreno gioca un brutto scherzo a Montini che mandato fuori tempo dalla zolla buca l’intervento, lasciando campo all’avversario che nonostante la pressione di Matteri (arretrato a terzino) rimane freddo e buca l’incolpevole Dentella.

Il forcing finale non porta frutti e la partita finisce in pareggio.

Il Dongo raccoglie solo 1 punto in questa settimana, ma ne avrebbe meritati sicuramente di più; peccato perché la classifica è ancora ottima e sarebbe sicuramente stata migliore.

Ora testa ai prossimi due match contro i due fanalini di coda del campionato, che non vanno sottovalutati e non ci regaleranno niente, per poi pensare alla semifinale di coppa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *