CSI: Dongo – San Carlo 2-0

PRIMO TEMPO: 1-0

MARCATORI: Matteri al 32’, Masanti al 23’ s.t.

Sport Club Dongo (4-3-3)

Dentella; Porta (dal 30’ s.t. Scanagatta F.); Aziz (dal 15’ s.t. Montini); Benaglio (C); Biffi; Poncia (15’ s.t. Bertocchi); Salice; Gestra Aless.; Scanagatta R. (15’ s.t. Arrigoni); Masanti (25’ s.t. Gobbetti); Matteri (25’ s.t. Mauri).

A disposizione: Gestra Alberto, Robinson Toribio

Allenatore: Roberto Ragni

Vice-allenatore: Fabrizio Pisolo

 

19 punti in classifica, a -2 dalla capolista già battuta Nuova Terraneo, 2.3 gol/partita, differenza reti +15 con solo 3 gol subiti ma, soprattutto, quinta vittoria consecutiva: è uno Sport Club Dongo da 10.

Numeri che spiegano quanto i ragazzi di “Mitter” Ragni scendano ogni volta in campo concentrati e con la voglia di fare bene.

Nonostante la pioggia il terreno di gioco si presenta in buone condizioni; solo una zona del campo è più pesante delle altre con qualche pozzanghera di acqua che limita alcune giocate da una parte e dall’altra.

La partita è molto combattuta a centrocampo e nessuno dei due reparti offensivi riesce ad impensierire le retroguardie avversarie. Il Dongo cerca spesso di giocare palla al piede cercando, al momento più opportuno, l’imbucata per gli esterni.

Dietro, come abitudine aspettarsi, non concede praticamente nulla e il reparto è attento su ogni pallone e ben posizionato. Si contraddistingue il difensore Aziz che non lascia respiro all’attaccante avversario.

In mezzo tutti i palloni passano dai piedi del Mago di Musso Salice che smista una quantità infinita di palloni e sa far girare bene la squadra. Proprio da un suo guizzo, con un tiro dal limite dell’area di rigore, nasce il gol dell’1-0 di Matteri, bravo a crederci e farsi trovare pronto sulla deviazione del difensore anticipando l’uscita del portiere.

Questo gol ci permette di andare a riposo sull’1-0 per riordinare le idee ed affrontare al meglio il secondo tempo. Mentre, alla squadra avversaria, taglia decisamente le gambe nonostante siano stati bravi a lottare su ogni pallone nel primo tempo ma rinunciatari nel secondo.

Nella seconda frazione di gioco, grazie anche alle forze fresche entrate, il Dongo mantiene il pallino del gioco e crea ancora diverse occasioni che potrebbe concretizzare con Matteri ma, sul più bello e a portiere ormai battuto, il compagno di squadra Arrigoni tocca il pallone a pochi centimetri dalla linea di porta e l’arbitro fischia il fuorigioco.

La squadra di Mr. Ragni non smette di lottare e vuole a tutti i costi il 2-0. Ci prova anche con due punizioni dal limite calciate magistralmente da Montini: la prima si stampa sul palo mentre la seconda viene sventata da un intervento fortunoso del portiere. Mancano i tempi del gol sicuro su punizione di Quarenghi o Rampoldi, vecchie glorie del calcio Dongo, ma a fine gara è proprio Montini che dichiara: “le stiamo provando in allenamento, prima o poi la butteremo dentro anche su punizione!”.

E al 23’ s.t., finalmente, su un’azione rocambolesca si avventa Masanti che ruba il tempo a tutti i difensori e a tu per tu con il portiere lo trafigge. Esultanza più che meritata e giusto premio per gli sforzi e il lavoro fatto finora dall’attaccante.

I giocatori mollano qualcosina dal punto di vista fisico e concedono un tiro dal limite dell’area di rigore sul quale Dentella si esalta e vola. A fine partita commenta così: “ci tengo sempre a fare bene ed avere la porta inviolata: dei record, però, non me ne faccio nulla! Sono più importanti la squadra ed ovviamente i 3 punti. Non possiamo rilassarci ed evitare di perdere punti che ci tengono aggrappati ai piani alti della classifica.”

MVP della partita: Alessandro Gestra voto 7,5. Meno dirompente ma sempre più concreto. Corre e lotta su tutti i palloni non permettendo agli avversari di far ripartire l’azione: lavoro utilissimo. Com’è cresciuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *